Mappe predittive per ridurre l’inquinamento acustico della rete ferroviaria

train noise mapping

© railway-technology.com

Se l’aumento dei trasporti su rotaia ha portato con sé evidenti vantaggi nell’ambito della riduzione delle emissioni di CO2, la questione del conseguente inquinamento acustico si è resa una sfida di non secondaria importanza. Il traffico ferroviario, soprattutto nei pressi delle stazioni o in entrata e uscita dai tunnel produce rumore che può mettere a rischio la salute di chi dovesse trovarsi a vivere e lavorare nelle vicinanze.

Secondo quanto rilevato dai centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, l’esposizione prolungata a suoni che superano gli 85 dB possono causare danni uditivi permanenti. Per questo motivo le compagnie ferroviarie sono tenute a rispettare standard e regolamenti volti a salvaguardare la sicurezza degli addetti impegnati in attività nelle vicinanze di aree a rischio acustico. 

In Europa è stato introdotto un sistema per la mappatura dei rumori chiamato Common Noise Assessment Methods che prevede la creazione di specifiche mappe sonore per le principali linee di traffico ferroviario. Per rendere dunque più efficaci i sistemi di soppressione sonora messi in campo per la sicurezza delle zone esposte, una società tedesca chiamata SoundPLAN GmBH ha creato un software chiamato SoundPLAN utilizzato per identificare cause, localizzazione e propagazione dei rumori. 

Ma come funziona questo software? Il sistema compara i dati rilevati relativi al tipo di rotaie, convogli coinvolti, frequenza di passaggio, dimensioni e velocità restituendo una rappresentazione grafica che utilizza diversi colori per indicare l’intensità dei livelli acustici.

germany noise rail mapping

© railway-technology.com

 

Il direttore del progetto Jochen Schaal spiega come tramite questo calcolo della diffusione e dell’impatto sonoro le compagnie ferroviarie sono in grado di rapportarsi con municipalità, amministrazioni locali ed enti ambientali per mettere in atto efficaci contromisure all-inquinamento acustico dovuto al traffico su rotaia.

In accordo con la regolamentazione europea per i rumori ambientali, l’Autorità Federale Tedesca per le Ferrovie, la Eisenbahn-Bundesamt (EBA), è tenuta ogni cinque anni a realizzare mappe sonore per il territorio nazionale. l’EBA ha da poco concluso la terza tornata di mappature coinvolgendo più di 100.000 residenti e 30.000 treni all’anno. 

Grazie ai risultati ottenuti, sono state gettate le basi per la creazione di un database che possa mettere in grado gli enti coinvolti a livello globale di realizzare adeguate contromisure all’inquinamento acustico, ottimizzando sforzi e risorse economiche.

Sebbene il trasporto su rotaia sia notoriamente il sistema di trasporto più sostenibile, quello dell’inquinamento acustico rimane ancora un nodo da sciogliere. Nuovi sistemi di mappatura digitale possono aiutare a ridurre l’impatto sonoro sulle aree urbane

RICHIESTA INFORMAZIONI SULLE SOLUZIONI MULTIRAIL PER IL MERCATO RAILWAY